Le maschere di Lola di Tallone&Carillo

“Ormai ero decisa. Se dovevo scegliere tra passare la vita nascosta, tremando alla vista di ogni divisa, guardandomi alle spalle giorno e notte, o gettarmi nella guerra, a costo di lasciarci la pelle, ebbene, non avevo dubbi. Scelsi ancora una volta la seconda. La battaglia è mille volte più riposante della paura.”

Massimo Tallone, Biagio Fabrizio Carillo,Edizioni del Capricorno, 320 p., 8.90€ 

Questo è il primo noir che leggo e quando ho preso in prestito questo libro nella mia biblioteca di fiducia (ok, è l’unica che frequento… la biblioteca, intendo, mica la bibliotecaria… ma comunque rimane l’unica di fiducia. E sì, mi riferisco sempre alla biblioteca, mica alla bibliotecaria) nemmeno sapevo che cosa fosse un noir. Sapevo che in letteratura esistesse questo genere, ma prima di questo libro non ne avevo mai letto uno. Vi riporto la definizione tratta di Wikipedia (sono imbarazzante? Sì, può essere): Il noir (francese e significa nero, misterioso, cupo) o romanzo nero è una variante del genere letterario poliziesco […] Il protagonista del romanzo noir non è un investigatore, ma una vittima, un sospettato o un esecutore. Capito?

Questo noir l’hanno scritto due miei conterranei (piemontesi) e l’ho scoperto un giorno nello scaffale delle novità in biblioteca. Il titolo mi ha fin da subito colpito e mi ha ricordato un po’ il grande Pirandello.

E infatti il concetto è più o meno quello: Lola, la protagonista, nel corso della sua avventura come sospettata di omicidio, dimostra di avere molte facce, di essere capace di adeguarsi a molte situazioni.

L’ambientazione a Torino, poi, è fantastica. È stato bello leggerlo alla fermata del pullman e immaginarmi la protagonista che camminava, che cercava di scoprire chi volesse incastrarla, fra le vie della città del mio cuore. Ecco, mi sono proprio immaginata questo: Lola, una donna fiera, forte e orgogliosa, una donna a cui la vita ha insegnato troppo presto a difendersi e a tirare pugni, una donna che si riversa per Torino cercando di salvarsi la pelle.

In questo suo percorso incontrerà nuovi amici, ma ne ritroverà anche di vecchi e ognuno di essi giocheranno un ruolo importante in tutta la vicenda. Non sono personaggi scontati, ma ciascuno di loro ha una particolarità.

Se deciderete di leggerlo, vedrete colpi di scena su colpi di scena. A me hanno fatto saltare sulla panchina e imprecare perché ogni volta che pensavo di aver capito in realtà​ non avevo capito una cippa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: